corso miglioramento di relazioni

Vuoi conoscere le tecniche psicologiche che due psicologi insegnano alle Coppie in difficoltà?

Se anche tu vuoi migliorare o salvare la tua relazione, continua a leggere questa pagina: scoprirai qualcosa che può cambiarti la vita

Arriva un momento nella vita di coppia in cui ci si rende conto che qualcosa non va, o potrebbe andare meglio.

Ti chiedi cosa sia questo “qualcosa“, perché ami il tuo partner e non vorresti arrivare ad odiarlo o provare rancore verso di lui.
Eppure la tua coppia, invece di darti forza e sicurezza come dovrebbe essere in una relazione bella e sana, ti fa sentire in gabbia.

O magari, ti rendi conto di come ogni discussione, invece di concludersi con un abbraccio, si trasformi in un litigio che si trascina per giorni, succhiandoti la gioia e lasciandoti solo energie negative.

E quindi, invece di esprimere i tuoi bisogni, hai iniziato a reprimere le tue emozioni, stando zitto/a per paura che le tue parole portino soltanto ad ulteriori incomprensioni.

Questo, però, non fa altro che alienare la vostra comunicazione e condurre la relazione verso un punto di non ritorno.

Sappiamo come ti senti, perché il nostro lavoro è proprio quello di aiutare le persone a salvare i loro rapporti quando tutto sembra perso.

Abbiamo cercato in lungo e in largo il modo migliore di aiutarle: corsi, libri, oltre che il percorso lungo e tortuoso per diventare psicologi, con tanto di tirocinio ed esame di abilitazione.

Certo, tutte queste cose ci hanno insegnato tanto, ma è solo quando ci siamo imbattuti nella letteratura scientifica prodotta negli U.S.A. sulle relazioni, che abbiamo davvero iniziato a cambiare la vita dei nostri pazienti.

Abbiamo sempre cercato di affidarci alla scienza nella nostra pratica clinica, perché non ci piace improvvisare. Soprattutto quando c’è di mezzo la salute mentale delle persone – e, di riflesso, la loro serenità.

 

Esiste una strategia scientifica

Utile sia se sei tu “il sabotatore” che vuole smettere di danneggiare la sua relazione, sia se il tuo partner non vuole ammettere che ci sia un problema. Perché sulla base di questa strategia, abbiamo elaborato, integrando diverse teorie e diverse esperienze cliniche, un Protocollo applicabile anche in modo indiretto.

Ma prima di rivelarti come applicare questi principi anche ad un partner che non vuole mettersi
in gioco, lascia che ti precisi quali sono le 3 Verità che secondo noi, non puoi non conoscere su una relazione.

3 verità che devi conoscere sulle relazioni:

  1.  Le Coppie Sane, hanno una Comunicazione Sana
  2.  Le Coppie Sane, si basano su Fiducia e Impegno
  3.  Le Coppie Sane, vivono il giusto equilibrio tra Vicinanza e Distanza

Queste, sono le cose che possono far fiorire o appassire una relazione.

Infatti…

Senza una Comunicazione Sana, non si possono esprimere i propri desideri e i propri sogni.
Non si può chiedere un cambiamento quando si ritiene necessario. Non si può dire “no” alle richieste del partner (oppure se ne pagano le conseguenze). In altre parole, non si può stare bene in coppia, e ci si può sentire in gabbia o sotto ricatto.

Senza Fiducia e Impegno non si può in alcun caso progettare, perché sono i muri portanti delle relazioni. Immagina di costruire una casa con i muri maestri fradici e pericolanti. Ci andresti mai a vivere? Allo stesso modo: progetteresti mai il tuo futuro con una persona che non si impegna e di cui non puoi fidarti? No… esatto!

Senza Equilibrio tra Vicinanza e Distanza, ci si sente soffocare -o andare alla deriva. Questa mancanza di equilibrio, può derivare da (percepita) mancanza di fiducia e impegno. Spesso il problema è che si entra in un circolo vizioso, in cui uno dei due partner ha un tipo di attaccamento insicuro/evitante e si “aggrappa” all’altro. E quindi, tipicamente, l’altro scappa. E il primo si aggrappa ancora di più.

Abbiamo notato che nella stragrande maggioranza dei casi, si riduce tutto al primo punto: le Coppie Sane, hanno una Comunicazione Sana. 

Ecco perché:

  1.  Con una Comunicazione Sana, puoi costruire la Fiducia e a Comunicare l’impegno
  2.  Con una Comunicazione Sana, puoi esprimere efficacemente ciò che desideri dalla relazione, evitando frustrazioni e drammi
  3.  Con una Comunicazione Sana, puoi chiedere di Avvicinarti o Allontanarti, senza spaventare il partner

A breve, ti mostreremo che è davvero possibile instaurare una comunicazione Sana con il tuo partner e gestire i conflitti come un bravo marinaio sa fare con il mare in tempesta.

Ma partiamo dal principio.

Se stai vivendo un periodo difficile con il tuo/la tua partner e senti di non avere una buona comunicazione, di reprimere le tue emozioni e idee per paura di scatenare litigi, voglio invitarti a risolvere subito questi problemi.

Purtroppo, ci troviamo in un periodo in cui le relazioni sono cambiate tantissimo in poco tempo, e le coppie si ritrovano senza una vera guida.

Fino al 1970, in Italia non esisteva il divorzio.
Fino al 1978, l’aborto era illegale.
Fino al 1981, esistevano il delitto d’onore e il matrimonio riparatore.
…e la parità di genere è ancora un’utopia.

Tutto questo ci sembra incredibilmente lontano, ma si tratta di un cambiamento avvenuto negli ultimi cinquant’anni! Questi cambiamenti così repentini, generano ovviamente molta confusione.

E i genitori, che prima potevano tramandare la propria esperienza di coppia ai figli, si ritrovano ad essere totalmente inappropriati e impreparati in un mondo che cambia alla velocità della luce.

Il risultato è presto detto: ci si separa o si divorzia sempre di più. Negli Stati Uniti la durata media di un matrimonio è di soli 8 anni, e in Italia ci stiamo avvicinando a questo trend.

Insomma, le relazioni sono sempre più brevi e la causa spesso siamo noi, anche se non ne siamo consapevoli, non cogliamo i segnali o non gli diamo abbastanza importanza.

Se invece ci accorgiamo in tempo che la relazione sta naufragando, possiamo afferrare il timone e portarla in salvo.

Ma la domanda è: come fare per rimediare ed evitare di andare alla deriva?

Bisogna osservare i segnali nella nostra relazione.

In questo ci aiuta la scienza, che ci invita a non sottovalutare i campanelli d’allarme:

  • Comunicazione carente
  • Mancanza di rispetto e risentimento
  • Iniziare a pensare di stare meglio da soli

Probabilmente leggendo questi indicatori, ti starai domandando se uno o più di uno tra questi
abbia colpito anche la tua relazione.

Puoi avere degli indizi considerando queste situazioni:

  • da un po’ di tempo con il tuo partner parlare sembra più che altro una comunicazione di servizio;
  • non avete più voglia di raccontarvi le vostre giornate, non programmate il weekend e non sognate di fare viaggi o esperienze insieme;
  • i vostri dialoghi sembrano solo un’escalation di nervosismo e di incomprensioni.

È capitato a tutti di sentirsi soli e frustrati in una relazione. Prima di scoprire le tecniche di cui ti
parleremo a breve, noi stessi ci siamo ritrovati a fare errori, a non saper agire per il verso giusto nelle nostre relazioni. Abbiamo anche notato che un po’ tutti hanno le stesse tendenze: una volta identificato il problema di comunicazione, proviamo ad appianare le divergenze. Quando questo non funziona, pensiamo che sia meglio non litigare, stando in silenzio… peggiorando la situazione e dando vita ad una bufera fatta di comunicazione superficiale, litigi irrisolti ed evitamento delle discussioni!

La psicologia delle relazioni, ci regala tante tecniche utili alla gestione delle divergenze, per riuscire a comunicare in modo corretto, evitando il sorgere di conflitti.

Ma prima di proseguire e svelarti come fare per migliorare la tua relazione, sarebbe il caso che ci presentassimo!

Chi siamo?

Siamo Marco Giacobbi e Maurizio Iengo, due psicologi che aiutano le coppie a ritrovare la
serenità.

dr. Marco Giacobbi
Psicologo-Psicoterapeuta

Mi sono poi specializzato alla scuola quadriennale di psicoterapia strategica di Arezzo. Mi sono formato grazie ai corsi del Gottman Institute (USA) e presso l’Università di Bangor (UK) in Mindfulness.

Da molti anni lavoro con single e coppie per recuperare relazioni incrinate o interrotte.

Mie interviste e interventi sono apparsi sul magazine D di Repubblica, Grazia, Vanity Fair e sul sito benessere.com.

Attualmente lavoro come psicoterapeuta di coppia e come ricercatore collaboro con l’Universitat de Catalunya di Barcellona (ES) ad un progetto per aiutare i figli di coppie in via di separazione.

Sono il creatore del portare Psicohelp.it, uno dei principali riferimenti in Italia sulla terapia di coppia.

Il dr. Giacobbi è apparso su:

dr. Maurizio Iengo
Psicologo e Formatore

Sono stato in passato allievo del dr. Giacobbi, e in seguito diventato suo collaboratore.

Mi sono laureato con lode presso l’Università Suor Orsola Benincasa e ho effettuato dei periodi di studio presso l’università UKSW di Varsavia. Ho inoltre frequentato un Master presso l’Università di Almeria apprendendo il Basic Body Awareness Method e ho un Accreditation level 2 presso l’Association for Psychological Therapies. Ho inoltre frequentato un altro master in Terapia di Coppia – Terapia e Clinica del Legame di Coppia.

Attualmente svolgo l’attività libero-professionale come psicologo e insegno in varie realtà formative, come l’International Campus for Health Science, con sedi a Malta e Milano.

Nel mio ruolo di psicologo, mi occupo di supportare le coppie in difficoltà e le persone che, dopo la fine di una relazione, necessitano di sostegno per imparare a guardare avanti.

Sono l’autore di “Tornare a Vivere: Superare la Fine di una Relazione”.

Tante coppie, purtroppo, si rivolgono a noi quando il loro rapporto è già molto deteriorato. In altre parole, lo psicologo diventa l’ultima speranza di un relazione pronta a naufragare.

Ci siamo chiesti più volte: “Perché non prima? Perché queste persone si rivolgono a noi solo quando la tempesta sta già strappando le vele?”

Da un po’ di tempo, pensavamo di realizzare un percorso per aiutare le tante persone che vogliono salvare (o migliorare) la propria relazione ma non possono sostenere i costi di un percorso di coppia. 

O magari, hanno un partner che non vuole rivolgersi ad un professionista e non sanno come fare.

Sapendo bene quanto sia difficile riconoscere e correggere gli errori che si commettono prima che sia troppo tardi, ecco che è nato il Protocollo Salvacoppie.

Abbiamo inserito al suo interno le stesse tecniche che applichiamo alle coppie che seguiamo in consulenza.  In più, ci saranno le istruzioni per applicare queste tecniche anche in maniera indiretta, ossia se il partner non ammette che ci sia un problema e non vuole fare nulla per migliorare la vostra situazione. Infatti, se ti stai chiedendo come affrontare questo percorso se il tuo partner non è d’accordo, non preoccuparti. È capitato spesso infatti di ricevere in studio pazienti il cui partner non si sentiva a suo agio ad essere seguito da un professionista.

Ma questo non dev’essere necessariamente un problema.

Se ti stai chiedendo come puoi fare per migliorare la crisi della coppia se il tuo partner non vuole, segui attentamente ciò che sto per spiegarti.

Innanzitutto, quello che puoi fare è consigliargli una visita conoscitiva con un terapeuta, ma se il tuo partner non fosse affatto aperto sull’argomento, puoi anche applicare delle tecniche che, in psicologia, chiamiamo “indirette”.

Come posso aiutare la mia coppia se il partner non vuole ammettere che ci sia un problema o non vuole impegnarsi a risolverlo?

Se è vero che per fare terapia di coppia bisogna essere in due, è possibile alterare gli equilibri di un sistema agendo su una parte di esso. In altre parole, se ti stai chiedendo com’è possibile che se solo una persona agisce sulla coppia, la coppia migliora, ti invito a pensare alla coppia come a un ingranaggio. 

Immagina di essere una rotella di quest’ingranaggio complesso; come sai, se tutte le rotelle girano all’unisono, andrà tutto per il meglio. Ma se una gira in modo diverso, tutto l’ingranaggio ne risentirà. 

Questo vale anche all’opposto: è tutta una questione di equilibri. Proprio per questo, la tua
rotella può migliorare l’equilibrio dell’intero sistema.

Innanzitutto perché, senza rendertene conto, potresti essere tu la rotella che si è “inceppata”.

E se così non fosse, ricorda che il tuo contributo ad una relazione (e ad eventuali litigi) può essere costruttiva o distruttiva. Imparando ad agire e a comunicare nel modo giusto, sarai anche un esempio virtuoso da seguire all’interno della coppia.

Noi litighiamo per delle cavolate… tanto non è importante!

Se pensi di “litigare semplicemente per delle cavolate” con il tuo partner, forse dovresti ricrederti.

Mi capita spesso di ricevere in studio pazienti in crisi che esordiscono dicendomi “litighiamo sempre per delle banalità”. Ti faccio un esempio con una coppia che ho conosciuto recentemente. Lei si lamenta del disordine: “Ci risiamo, non riesci mai a comportarti come un adulto… devo sempre rimettere io in ordine!”. 

ll compagno, per non litigare, si limita a girare gli occhi al cielo e a lasciare la stanza in silenzio. 

In seduta, in situazioni come questa, i pazienti mi dicono appunto di litigare per delle sciocchezze. 

Purtroppo però, queste sciocchezze nascondono delle dinamiche molto pericolose.
In questi casi ci aiutano gli studi di Gottman, professore emerito di psicologia all’Università di
Washington, che ha dedicato la sua vita allo studio scientifico delle relazioni.

I suoi studi sono stati così accurati, da riuscire, grazie all’analisi dei conflitti all’interno della coppia, a prevedere un divorzio diversi anni in anticipo e con oltre il 90% di accuratezza.

Ecco, è proprio questa la letteratura scientifica di cui ti parlavo prima!

Gottman e sua moglie, hanno identificato 4 comportamenti – 4 errori comunicativi, se preferisci, che possono predire la fine di una relazione.

I 4 Comportamenti-Killer di una Relazione

1. Critica

Il primo è la Critica: quando invece di reagire in modo costruttivo a un evento indesiderato o non gradito – invece di dare un feedback produttivo, attacchiamo la persona o le convinzioni dell’altro, piuttosto che l’evento specifico. È quello che succede, ad esempio, quando si utilizzano termini come “sempre” e “mai”.

2. Disprezzo

Il secondo è il Disprezzo: una più grave escalation della critica: tutto ciò che svaluta il partner (deridere, alzare gli occhi al cielo, umiliarlo davanti agli altri). Alcuni esempi: “Non sei una buona madre”, “non sai fare niente!”…ma il disprezzo si può, in realtà, anche nascondere in comportamenti che sembrano essere di accudimento: “Non ti preoccupare, lavo io i piatti!”, mentre quello che si intende è: “…perché tu non li sai lavare, quindi li rilaverei comunque!”.

3. Atteggiamento di Difesa

Il terzo è l’Atteggiamento di Difesa: ciò che accade quando, invece di ascoltare una critica, la si rimbalza contrattaccando e lanciando accuse. “Non lavi mai i piatti!” – “Sì, beh, non mi sembra che tu abbia fatto la spesa!”

4. Stonewalling

Il quarto è lo Stonewalling: cioè l’alzare un muro tra noi e il partner, interrompendo la comunicazione. Spesso, nelle coppie, questa dinamica si manifesta con il non rispondere ad una critica, fingendo di non sentire, di essere impegnati in un’altra attività o addirittura lasciando la stanza.

Questo spesso è l’ultimo stadio di una relazione: una volta interrotta la comunicazione, infatti, è difficile che le cose si possano risolvere in modo produttivo. Per non arrivare a quest’ultima fase, è necessario migliorare la comunicazione prima che sia troppo tardi.

Nel Protocollo Salvacoppie abbiamo deciso di indicare, passo dopo passo, le soluzioni davvero efficaci per risolvere questi 4 errori di comunicazione.

I nostri consigli non sono frutto di teorie astratte, bensì sono esercizi pratici che utilizziamo nella nostra pratica clinica, hanno fondamenti scientifici e funzionano davvero nelle terapie con i nostri pazienti.

Ti riveleremo anche come mettere in pratica da solo/a le tecniche che normalmente verrebbero utilizzate in coppia. Se il tuo/la tua partner non se la sente di affrontare una terapia insieme per risolvere i vostri conflitti, puoi modificare il sistema, modificando il tuo comportamento.

Questi esercizi, infatti, sono stati studiati appositamente per poter agire sulla coppia anche in
modo indiretto.

Il corso contiene una serie di lezioni pratiche corredate dalle registrazioni delle sedute di una
coppia vera in terapia. Al termine del corso avrai imparato a trasformare costruttivamente lo scontro in dialogo, a migliorare l’intimità di coppia e a riconoscere e correggere i comportamenti-killer delle relazioni.

Grazie al Protocollo Salvacoppie, imparerai a...

1. Trasformare lo Scontro in Dialogo

Trasformare lo Scontro in Dialogo è la base di ogni rapporto di coppia. Solo grazie al dialogo è possibile comunicare i propri bisogni, le proprie ambizioni e le proprie aspirazioni. Se riusciremo a comunicare in modo efficace, finalmente la nostra coppia potrà diventare un terreno fertile per vivere serenamente. Un luogo dove sentirsi soddisfatti, al sicuro e supportati, invece che causa di insoddisfazione e incertezza. 

2. Migliorare l'intimità di Coppia

Migliorare l’intimità fisica ed emotiva aiuta a vivere a pieno la propria relazione. L’intimità, sia fisica che emotiva, è una componente fondamentale in una coppia, che altrimenti può sentire di vivere un rapporto mozzato, incompleto. Al contrario, quando ci sono vicinanza emotiva e buona fisicità, ecco che il rapporto fiorisce e ci fa stare bene.

3. Riconoscere e Correggere i Comportamenti-Killer

Riconoscere e Correggere i 4 Cavalieri dell’Apocalisse (o quelli che amiamo chiamare ‘Comportamenti-Killer’) è indispensabile per tenere in vita un rapporto. Purtroppo, soprattutto dopo anni di relazione, questi comportamenti dannosi tendono ad emergere in gran parte delle coppie. Non si ha più la pazienza di fare attenzione a determinati aspetti comunicativi e, giorno dopo giorno, l’amore viene eroso fatalmente.

Cosa Contiene il Protocollo?

Come avrai intuito, il Protocollo Salvacoppie vuole essere un Salvagente per aiutare la tua coppia a resistere alle più comuni intemperie che rischiano di strappare le vele.

È formato da tanti esercizi pratici, da fare sia in coppia che da soli. Proprio perché sappiamo che è comune avere un partner che non vuole ammettere che ci sia un problema, abbiamo pensato di inserire lezioni apposite per trasformare gli esercizi proposti alla coppia, in azioni concrete da fare da soli per perturbare (in meglio) l’equilibrio del sistema-coppia.

Le Lezioni che troverai nel Protocollo Salvacoppie:

Cos'è l'amore?

Iniziamo dallo stimolare una domanda fondamentale, un argomento su cui molto spesso c’è poca comprensione e su cui, talvolta, i membri di una coppia non sono d’accordo. Daremo poi la nostra versione, basata su teorie neuroscientifiche.

Migliorare la Comunicazione e Trasformare il Conflitto in Dialogo

Conflitto e Dialogo

Come utilizzare il dialogo in modo efficace? Come si può trasformare il Conflitto in Dialogo? Qual è l’importanza di comunicare efficacemente?

Se il Partner non Vuole Collaborare

Esiste un modo per migliorare una relazione con gli esercizi suggeriti anche in modo indiretto? Basandoci sulla teoria dei sistemi, vedremo com’è possibile migliorare il rapporto di coppia anche se il partner non ammette che ci sia un problema o se siamo noi stessi a sabotare la relazione.

Rispetto, Gentilezza, Positività

Analizzeremo l’importanza del rispetto e della gentilezza all’interno di una relazione, e come sfruttarle per rendere un rapporto sereno e amorevole.

Tecnica del Soft Start-Up

Imparerai la tecnica in tre fasi per iniziare a gestire i conflitti in modo costruttivo. La maggior parte dei litigi infatti è causata dal modo errato di iniziare la conversazione: in questa lezione imparerai ad esprimere bisogni, giudizi e critiche verso il partner nel modo giusto, per poter intavolare discussioni in modo costruttivo invece che distruttivo.

Soft Start-Up da Soli e Approfondimento

Come poter applicare la tecnica Soft Start-Up da soli? In questa lezione, approfondiremo l’esercizio e capiremo come utilizzarlo anche monolateralmente.

Tecnica Rapoport: Introduzione

Cos’è la tecnica Rapoport? Da dove prende il nome? A cosa serve?

Tecnica Rapoport: Pratica ed Esempi

Come applicare, passo dopo passo e grazie al supporto di un file scaricabile e stampabile, la potente Tecnica Rapoport. Include l’esempio della tecnica applicata ad una coppia reale in Terapia.

Tecnica Rapoport da Soli e Approfondimento

Approfondiamo il significato, l’utilità e le modalità della tecnica in modo da renderla più efficace, e impariamo ad applicare lo stesso metodo comunicativo anche da soli.

Tecnica della Negoziazione

Anche detta “Tecnica degli Ovali”, è molto efficace quando è necessario trovare un compromesso tra due posizioni contrastanti. Anche in questo caso, la pratica è esemplificata tramite il caso di una coppia reale.

Tecnica degli Ovali da Soli

Come stimolare il dialogo rivolto al compromesso, anche se il partner non è intenzionato a seguire un percorso di coppia? Ne parliamo in questa lezione.

Riconoscere e Correggere i Comportamenti-Killer delle Relazioni

Comportamenti-Killer: 4 Errori che Distruggono la Tua Coppia

Quali sono, secondo la scienza, i 4 “Comportamenti-Killer” che sono la causa della maggior parte dei divorzi e delle separazioni? Ne parliamo in questo video.

Comportamenti-Killer: e se il problema fossi io?

Talvolta, anche se non ce ne rendiamo conto o pensiamo di fare del bene alla nostra relazione o al nostro partner, agiamo in modo da avvelenare involontariamente la coppia – anche se è l’ultima cosa che vorremmo. Proprio per questo, è di fondamentale importanza riconoscere e correggere i comportamenti di cui si discute in questa lezione.

Il Giusto Equilibrio

Bilanciare le esigenze di Distanza e Vicinanza è difficile, soprattutto quando manca la giusta comunicazione e fiducia. In questa lezione, ragioniamo proprio su questo.

2 Domande per Cambiare Prospettiva

La flessibilità psicologica è la capacità di guardare le cose in modo diverso, da altre prospettive. Al contrario, essere inflessibili significa guardare gli eventi nel modo di sempre, ricadendo sempre nelle stesse trappole e negli stessi errori. In questa lezione, vedremo come stimolare questa capacità per migliorare la nostra relazione.

Migliorare l'intimità emotiva

L'Esercizio della Scatola

Iniziamo una serie di esercizi che, collegati a tutto ciò che abbiamo ottenuto precedentemente, stimoleranno l’intimità, la vicinanza emotiva tra di voi.

L'Esercizio della Busta

Con quest’esercizio tanto semplice quanto potente, costruiremo un’abitudine giornaliera che ci avvicinerà al partner, aiutandoci a vedere le cose che prima non vedevamo e a sentirci più vicini e connessi.

L'Esercizio di Romeo e Giulietta

Un bellissimo “gioco” da fare in coppia, per aggiungere avventura e stimolare l’intimità, lontani dagli impegni e dal peso della quotidianità.

Migliorare l'intimità fisica

Una Buona Abitudine

L’intimità fisica è fondamentale per il benessere della relazione. Per migliorarla, iniziamo dalle buone abitudini.

Guardarsi negli Occhi

Creiamo connessione emotiva e fisica tramite lo sguardo.

Il Battimani

Come può, un gioco che facevamo da bambini, trasformarsi in un esercizio per promuovere l’intimità fisica da adulti?

Fantasie

Qual è il ruolo delle fantasie erotiche, e qual è il modo di utilizzarle per stimolare l’intimità fisica?

Sette Respiri

L’esercizio dei Sette Respiri, per la connessione emotiva e fisica.

Massaggio

Il più classico dei foreplay: come utilizzarlo per stimolare l’intimità fisica.

Quanto Vale?

Una prima seduta di coppia con noi, parte da 100,00€ fino ad arrivare ai 170,00€. 

Ci rendiamo conto che questi costi non siano sostenibili per tutti: proprio per questo motivo, abbiamo deciso di rendere questo Protocollo disponibile a chiunque voglia impegnarsi in un percorso autonomo e mettersi davvero in gioco per cercare di Salvare la propria Coppia.

 

Se decidi di iscriverti subito, riceverai:

  • Accesso a vita al Protocollo
  • Esercizi e tecniche che utilizziamo tutti i giorni con i nostri Pazienti
  • Caso clinico reale
  • Accesso immediato
  • 15 gg Soddisfatto o rimborsato

a soli

97

Il Protocollo costa infatti meno di un singolo incontro di coppia e contiene una miriade di informazioni che potrai utilizzare per migliorare la tua Coppia già da Domani.